Ilaria Fioravanti

Valentina Venuti

0001 2.jpg

di Terra

   e di Mare

La cucina di Camogli e

del Golfo Paradiso

Un viaggio alla scoperta delle tradizioni gastronomiche del Golfo Paradiso, tratto “di terra e di mare” stretto tra la parte più orientale della città di Genova ed il Promontorio di Portofino.

La focaccia di Recco col marchio IGP, le trofie con il pesto e le acciughe sotto sale, sono solo alcune delle eccellenze di questa magnifica porzione di Liguria.

Solamente percorrendo le sue antiche mulattiere, o “creuze” in genovese, ci si rende conto che in passato non solo il mare è stato fonte di sostentamento per la gente del posto.

Delimitati da muri di cinta di antiche ville non mancano mai gli orti, creati nelle “fasce”, tipici terrazzamenti in pietra ricavati da un terreno scosceso altrimenti inutilizzabile, e sono principalmente le erbe, l’ulivo e gli ortaggi che decidono il menù da servire in tavola.

Qui si impara ad elaborare piatti con quello che si ha a disposizione, utilizzando l’arte della pasta, dei ripieni e delle salse. Il risultato è una cucina essenziale, non povera, molto legata al territorio con il quale ha un rapporto stretto e necessario.

È dunque viaggiando, scoprendo questo luogo nella sua geografia di terra e di mare che si può capire la cultura, non solo culinaria, di questo spettacolare golfo ligure, non a caso chiamato Golfo Paradiso.